fbpx

Alessandro Ciacci

  • Corsi: Stand-up Comedy & Cabaret
  • Materie: Scrittura, preparazione dello sketch, lavoro di coppia e lavoro di gruppo

Alessandro Ciacci.

All’attività di stand up comedian affianca quella di attore e regista teatrale, drammaturgo e scrittore.

Tra i testi diretti e interpretati: “Mandragola”, dall’omonima commedia di Machiavelli, “Let’s Swift again” dalle opere di Jonathan Swift (molti testi in prima traduzione italiana assoluta) e

“The gag is on the table” sketch show comico originale. Dal 2016 si esibisce professionalmente come comico: tra i suoi monologhi one man show: Sillygismi (2017), A.C.U.M.E.

(2018) e Salamoia per intenditori (2019). Nel 2021 è invece la volta di “Sblighésss!”.

Ha fatto parte del cast artistico dei programmi tv “CCN – Comedy Central News” (2017), “Stand up comedy” (edizioni 2017, 2019, 2020), entrambi in onda su Comedy Central (canale 128 di SKY) e “Italian stand up” (2019) di Zelig TV (ora disponibile su Amazon Prime Video). Sempre per Comedy Centrale, nel 2021 è nel cast di “Comedy Rehab”. I suoi testi sono stati inseriti in “Stand up Comedy – La prima antologia italiana” di Giulio D’Antona, pubblicato per Einaudi Stile Libero, e la rivista Style Magazine l’ha inserito tra “I 20 stand up comedian italiani più divertenti”. La sua commedia teatrale “Sweet Lily suite” è stata pubblicata da Erga, il suo esordio narrativo, “La tassonomica dei mirabili” è invece pubblicato da Aras Edizioni.

 

…Dentro a Ciacci ci sono i Monty Python, c’è Woody, c’è Noel Coward (…) in lui si agita anche qualcosa di Achille Campanile, un che di Marcello Marchesi, un po’ di Ennio Flaiano. E non parlo solo della scrittura, dello stile di Ciacci. Dico che Alessandro Ciacci pare immaginato da Campanile, scritto da Marchesi e fatto agire da Flaiano…

(Paolo Cananzi, autore televisivo, sceneggiatore)

 “…far ridere, lo sappiamo, un mestiere difficile. Ma se avete la fortuna di trovare la serata in cui si esibisce Alessandro Ciacci, non vedrete l’ora di tornarci. Alessandro, che oramai per me è un Woody Allen de noantri, ha un’ incredibile presenza scenica, un ritmo serrato e coinvolgente e soprattutto una verve comica unica…”

(dal blog “Una balena a Bologna”)

 “…E’ la persona che più mi ha entusiasmato negli ultimi anni… perché è il comico che ti porta a casa sua… non so se è paragonabile a qualcuno (…) è il suo mondo, dalla prima volta che l’ho visto sul palco ho detto “Questo è un cavolo di comico!”. (…) Lui è una persona coltissima, brillantissima, battuta pronta… (…) Io gli ho visto fare sempre improvvisazioni col pubblico (…) talento incredibile, avrebbe potuto fare due ore sul palco, secondo me, con 5 minuti scritti…”

(Filippo Giardina, intervista per il podcast “Tintoria”)

“Geniale, coinvolgente e simpaticissimo, Alessandro Ciacci riesce ad unire in un’unica narrazione il sortilegio del passato e quello del presente, come la citazione di noti sonetti unita all’improvvisazione. (…) Uno spettacolo di grande impatto.”

(Rosanna Ricci – “Il resto del carlino”)

Pin It on Pinterest

Shares
Share This